“Le riforme e gli investimenti sono corredati da obiettivi quantitativi e traguardi intermedi e sono organizzati in sei missioni. E, per inciso, tutto questo sarà controllabile o, come si dice oggi, monitorabile su una piattaforma elettronica“. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Mario Draghi, in un passaggio della presentazione alla Camera del Piano nazionale di ripresa e resilienza prima di trasmetterlo all’Europa. Nel complesso, ha spiegato il premier, potremo disporre di circa 248 miliardi di euro. “Le funzioni di monitoraggio, controllo e rendicontazione e i contatti con la Commissione europea – ha aggiunto – sono affidati al ministero dell’Economia e delle finanze. Infine, è prevista una cabina di regia presso la presidenza del Consiglio, con il compito tra l’altro di interloquire con le amministrazioni responsabili in caso di riscontrate criticità nell’attuazione del Piano”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Draghi contro gli inglesismi: “Il governo del piano, quello che altri chiamano ‘Governance…'”. E gli scappa una risata – Video

next
Articolo Successivo

Recovery, Draghi alla Camera: “Piano ha molto beneficiato dell’azione del governo precedente” – Video

next