Non si placano gli scontri nella Città Vecchia di Gerusalemme tra forze di sicurezza israeliane e palestinesi. La tensione cresce e il premier Benjamin Netanyahu invita alla calma, temendo un escalation militare. Secondo le autorità locali, trentasei razzi sono stati lanciati poche ore fa, dopo che i governanti islamisti di Gaza hanno espresso il loro sostegno alle proteste dei cittadini palestinesi nella zona est di Gerusalemme.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gli Usa riconoscono per la prima volta il genocidio armeno: “Ricordiamo affinché non si ripeta”. Turchia: “Non accettiamo lezioni”

next
Articolo Successivo

“Le proteste in Ulster organizzate da teppisti lealisti che vogliono soldi da Londra. L’Irlanda unita sta arrivando”

next