Hanno realizzato e diffuso un video i due uomini che nel pomeriggio di ieri, lunedì 5 aprile, hanno suonato all’abitazione del presidente dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, per consegnargli un pacco di cartone con la scritta “frode Covid. Il filmato dura circa 4 minuti (qui pubblichiamo solo i primi secondi). I due, che si dichiarano cittadini modenesi, prima leggono il biglietto attaccato sulla scatola: “I mittenti sono i bambini, gli oss, le famiglie, le aziende e il popolo italiano tutto rispettoso della Costituzione. Riassunto: frode Covid”. Poi suonano il campanello dell’abitazione del governatore, che esce a prendere il pacco. “Siamo venuti a restituirle il pacco che sta facendo all’Emilia Romagna, ormai si sa che questa è una farsa” gli dicono, parlando poi di “ospedali vuoti” e persone senza lavoro. Bonaccini ha poi allertato i Carabinieri. I militari, una volta sul posto, hanno verificato il contenuto, che non era pericoloso: si trattava di cartacce e pannolini sporchi. Hanno comunque recuperato tutto il materiale per gli accertamenti del caso, sui quali riferiranno alla procura della Repubblica di Modena, già allertata. In seguito a questo episodio al presidente della Regione sono state rafforzate le misure di sicurezza

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Astrazeneca, Cavaleri (Ema): “C’è un nesso con le trombosi rare”. Domani il nuovo verdetto. Media: “In Uk si valutano limiti per under 30”

next
Articolo Successivo

Covid, controlli dei Nas sul trasporto pubblico: 32 casi di positività dai tamponi fatti sulle superfici di bus e metro

next