Sciopero nazionale dei lavoratori della logistica indetto dalle sigle sindacali Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, dopo l’interruzione delle trattative per il rinnovo del contratto nazionale logistica, trasporto merci e spedizioni. Organizzato un presidio a Roma, in piazzale di Porta Pia, con circa 300 lavoratori. “Durante la pandemia non ci siamo mai fermati, siamo andati casa per casa lottando contro il Covid e ora vogliono toglierci gli ultimi diritti, ci vogliono portare indietro di anni” commenta un lavoratore. Secondo i sindacati: “Ci hanno proposto un ccnl peggiore di quello attuale. In particolare vogliono rivedere il diritto alla malattia e vogliono rimuovere la clausola sociale che permette ai lavoratori di mantenere i diritti acquisiti e il posto di lavoro in caso di cambio di appalto”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sciopero della logistica del 29 e 30 marzo: stop alle consegne. Ecco chi si ferma. Sindacati: ‘Essenziali in pandemia, ora rinnovo contratto’

next
Articolo Successivo

Rider, c’è l’intesa con Just Eat: 4mila assunti come dipendenti con contratto della logistica. Salario fisso orario e tutele, addio al cottimo

next