Il 2 agosto del 1980 una bomba esplode nella sala d’aspetto della seconda classe della stazione di Bologna.
Perché è successo? Chi ha ordinato l’attentato? E che ruolo ha in questa vicenda Paolo Bellini, considerato la figura centrale nel nuovo processo per scoprire esecutori e mandanti della strage di Bologna?
Marco Lillo ne ha parlato con Carlo Lucarelli, Antonella Beccaria (autrice di Dossier Bologna) e Giovanni Vignali (autore de L’uomo nero e le stragi).

Rivedi la diretta completa

L’UOMO NERO E LE STRAGI
Dall’eccidio di Bologna alla trattativa con la mafia, il mistero del neofascista Paolo Bellini
di Giovanni Vignali
Nelle librerie e nelle edicole dell’Emilia Romagna e di Firenze, Milano, Roma e Torino (ed. PaperFirst)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Operatori sanitari non vaccinati, ecco perché è possibile l’obbligo. Nel decreto del governo pure lo scudo penale per medici e infermieri

next
Articolo Successivo

La ‘ndrangheta e i neri, il racconto di Romeo: “Nel 1979 aiutai a nascondere Franco Freda”

next