Feretri abbandonati per lungo tempo in ambienti promiscui in attesa di sepoltura o cremazione, false attestazioni di sepoltura di resti precedentemente riesumati, bare con perdita di liquidi e presenza di macchie di sangue. Ma anche gravi carenze igieniche e mancato adempimento degli obblighi contrattuali. Per questo i carabinieri dei Nas hanno denunciato 23 persone tra dirigenti di strutture sanitarie ed ospedaliere e titolari di imprese funebri private per violazioni della disciplina sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, e segnalato altre 78, al termine di una campagna di controllo nazionale negli obitori. In particolare, i militari del Comando per la Tutela della Salute hanno ispezionato 375 tra obitori e camere mortuarie interni alle strutture ospedaliere, nonché analoghe aree adibite al commiato, riconducibili ad imprese funebri private e relativi servizi cimiteriali, rilevando irregolarità in 85 di questi.

La maggior parte delle irregolarità, 68 tra quelle complessivamente sanzionate, sono state appurate negli ambienti adibiti alla permanenza delle salme e al commiato in presenza dei familiari, mantenuti in carenti condizioni igienico-sanitarie e strutturali, in presenza di distacco di intonaco, macchie di umidità e muffe, piastrellatura fessurata, mobili vetusti e arrugginiti.

Due sono stati i provvedimenti di chiusura di attività nei confronti rispettivamente di una sala settoria all’interno della camera mortuaria del cimitero di Cisterna di Latina, a causa di gravi carenze igieniche, e di una ditta funebre della provincia di Lecce, che esercitava in condizioni di incompatibilità d’impresa. Inoltre, gli accertamenti hanno consentito di individuare il mancato adempimento agli obblighi contrattuali stipulati da agenzie ed imprese convenzionate con i Comuni e le aziende ospedaliere circa la corretta erogazione dei servizi funebri e cimiteriali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bergamo, un anno dopo le bare sui camion. “Abbiamo pagato, ma chi sbagliò allora continua a farlo oggi. Sistema lombardo resta inadeguato” – Video

next
Articolo Successivo

“Si scambiavano sui social immagini e video di minori abusati”: 119 indagati

next