L’iPhone 12 Pro di Apple è attualmente al top con 512 GB di spazio di archiviazione, ma se per voi la memoria non è mai abbastanza potreste essere felici di sapere che Apple potrebbe aver intenzione di produrre un modello di iPhone 13, lo smartphone di prossima generazione, con uno spazio di archiviazione che potrà toccare 1 TB, come riportato dai colleghi di 9To5Mac.

A sostenerlo è un nuovo rapporto della società di investimento Wedbush Securities, che riporta come Apple stia effettuando già dei sondaggi preliminari tra i fornitori della propria catena di approvvigionamento, proprio allo scopo di realizzare una nuova generazione di iPhone dotata di tale caratteristica.

Il problema però potrebbe essere il prezzo: al momento, i modelli iPhone 12 Pro e iPhone 12 Pro Max di Apple offrono tutti un massimo di 512 GB di spazio di archiviazione e sono già piuttosto costosi: possiamo solo immaginare quanto costerà un modello di iPhone 13 Pro con 1 TB.

Non è la prima volta del resto che si parla di tale argomento, inoltre, in termini di dispositivi iOS, Apple ha offerto una versione da 1 TB del proprio tablet iPad Pro dal 2018, quindi è del tutto plausibile che l’azienda alla fine offra la stessa quantità di spazio di archiviazione sugli iPhone. Naturalmente, non potremo averne la certezza fino a quando Apple non annuncerà ufficialmente i suoi nuovi telefoni, probabilmente come da tradizione dell’azienda californiana a settembre di quest’anno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Apple MacBook Pro 16 pollici, su Amazon con sconto di 217 euro

next
Articolo Successivo

Motorola Moto G10, recensione. Uno smartphone economico ma con troppi limiti

next