Elena Militello dell’associazione South working ha risposto alle domande di Mario Portanova e Paolo Dimalio durante la diretta di Fq Millennium Live intitolata “Covid e fuga nei piccoli borghi, tra mito e realtà“. A chi le ha chiesto se quello del south working sia un fenomeno destinato a scomparire, lei ha risposto: “In questo anno abbiamo imparato a distinguere tra lavoro da casa emergenziale, dettato dalla pandemia, e un vero e proprio lavoro agile, per obiettivi. Su questa base abbiamo lanciato la proposta di south working come opportunità per riportare capitale umano nelle aree del mezzogiorno. Passare mesi o alcune parti dell’anno in questi luoghi è un’opportunità per riportare idee, giovani e creatività sui territori. Credo che sia un’idea che non verrà abbandonata con il superamento della pandemia, ovviamente c’è bisogno di potenziare le reti internet, dei trasporti efficienti e degli spazi di comunità dove poter lavorare”

Rivedi l’intera diretta

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Luca Mercalli a Fq Millennium Live: “Lontani dalle città siamo più soli? Piccoli borghi non sono fuori dal mondo e c’è un altro tipo di socialità”

next