Elena Militello dell’associazione South working ha risposto alle domande di Mario Portanova e Paolo Dimalio durante la diretta di Fq Millennium Live intitolata “Covid e fuga nei piccoli borghi, tra mito e realtà“. A chi le ha chiesto se quello del south working sia un fenomeno destinato a scomparire, lei ha risposto: “In questo anno abbiamo imparato a distinguere tra lavoro da casa emergenziale, dettato dalla pandemia, e un vero e proprio lavoro agile, per obiettivi. Su questa base abbiamo lanciato la proposta di south working come opportunità per riportare capitale umano nelle aree del mezzogiorno. Passare mesi o alcune parti dell’anno in questi luoghi è un’opportunità per riportare idee, giovani e creatività sui territori. Credo che sia un’idea che non verrà abbandonata con il superamento della pandemia, ovviamente c’è bisogno di potenziare le reti internet, dei trasporti efficienti e degli spazi di comunità dove poter lavorare”

Rivedi l’intera diretta

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Luca Mercalli a Fq Millennium Live: “Lontani dalle città siamo più soli? Piccoli borghi non sono fuori dal mondo e c’è un altro tipo di socialità”

next