“Perché il fatto non sussiste”. L’ex senatore Sergio De Gregorio è stato assolto dall’accusa di riciclaggio dalla VI del Tribunale di Napoli. Il processo riguardava il ritrovamento, avvenuto nel 2004, di alcuni assegni nel corso di una perquisizione della Guardia di finanza all’interno dell’abitazione di un uomo ritenuto vicino alla criminalità organizzata, e per i quali la Dda di Napoli ipotizzava la sostituzione dei titoli con denaro di illecita provenienza. De Gregorio, difeso dall’avvocato Carlo Fabbozzo, aveva dichiarato che erano stati emessi nell’ambito di una compravendita immobiliare, mai perfezionata. “Al mio assistito, ex senatore della Repubblica italiana, è già accaduto in passato di aver pagato prezzi politici e personali per accuse poi risultate infondate, come nel caso del suo proscioglimento in istruttoria a Reggio Calabria dai reati di concorso esterno in associazione mafiosa e riciclaggio, contestasti addirittura per l’abbraccio ad un soggetto omonimo di un boss nel corso di una manifestazione elettorale”, commenta l’avvocato Fabbozzo.

Eletto nel 2006 con l’Italia dei valori, De Gregorio fu corrotto da Silvio Berlusconi con 3 milioni di euro per farlo passare al centrodestra contribuendo alla caduta del governo Prodi. La Corte di Appello di Napoli nel 2017 ha dichiarato la prescrizione del reato di corruzione per Berlusconi e Valter Lavitola, sentenza confermata dalla Cassazione che ha riqualificato il reato in corruzione impropria. De Gregorio invece aveva patteggiato la sua pena a 20 mesi. In base all’accusa il leader di Forza Italia fece avere a De Gregorio 3 milioni di euro per passare dal centrosinistra al centrodestra votando la sfiducia al governo prodi nel 2008. L’anno scorso De Gregorio era finito nei guai nell’ambito di un’inchiesta della procura di Roma.

“Il tempo è galantuomo, 17 anni sono tanti ma c’è anche qualche giudice galantuomo al mondo. Posso solo rallegrarmi del fatto che ci sono magistrati che non cercano la notorietà e i paginoni di giornale, ma che perseguono la verità dei fatti” ha detto De Gregorio all’Adnkronos. “Questo processo – spiega De Gregorio – ha condizionato fin dall’inizio tutta la mia vita politica. Fu istruito perché mi davano la caccia per la nota questione di Berlusconi (successiva di circa due anni, ndr), che poi è finita com’è finita. Questi assegni erano stati consegnati per una compravendita immobiliare, ma mi rendo conto che se fai l’imprenditore, la politica non la puoi fare. Per me però la politica ormai è un vecchio ricordo“. Il politico chiede di essere dimenticato: “Voglio solo che questa storia sia da esempio per tutta quella gente che pensa che, quando finisci nel tritacarne, pensa che sei il mostro o che comunque qualcosa devi averla fatta. Ricordo il mio amico Enzo Tortora, del quale negli ultimi due anni della sua vita fui strettissimo collaboratore, che mi diceva: questa roba non cambierà mai. Non sono il migliore degli uomini ma non voglio le scuse da nessuno. La soddisfazione dell’assoluzione però, quella non me la toglie nessuno e ringrazio il mio avvocato Carlo Fabbozzo che ha combattuto questa battaglia”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nuove accuse per Luca Palamara: “Corruzione in atti giudiziari”. E spunta l’ipotesi di una fuga di notizie dalla procura di Messina

next
Articolo Successivo

Foggia, maestra d’asilo interdetta per un anno: insultava e maltrattava i bambini

next