Di recente vi abbiamo parlato di Expanscape, una startup che realizza vere e proprie workstation portatili dotate di un massimo di sette display, ma che per il momento vende i suoi prototipi solo a determinati clienti interessati. A quanto pare, il prezzo finale dovrebbe arrivare sino alla cifra piuttosto consistente di oltre 17.000 euro per la configurazione base. Attualmente, i computer portatili della linea Aurora di Expanscape sono ancora in fase di sviluppo, quindi il numero di unità prodotte è davvero molto basso. Il produttore afferma che è vicino alla definizione di un prezzo definitivo per il suo prototipo Aurora 7 poiché è stato standardizzato su una specifica dotazione hardware, ma fino ad ora la società non ha ancora annunciato i prezzi ufficiali dei suoi notebook multi-monitor.

Expanscape ha attualmente due tipi di prototipi in lavorazione in tre configurazioni. Il modello “base” Aurora 5 è dotato di cinque monitor: quattro display 4K da 15,6 pollici e un touchscreen da 7 pollici integrato nel poggiapolsi. Questo sistema racchiude un processore AMD Ryzen 7 4800U a otto core abbinato a 64 GB di memoria, un’unità SSD PCIe NVMe da 2 TB e un’unità SSD SATA da 2 TB. Questa macchina entry-level costa attualmente circa 5.200 euro.

Il modello Aurora 7 è equipaggiato con sette display ed è disponibile in due varianti. La prima è dotata di quattro display 4K da 17,3 pollici, due 1536p da 9,7 pollici e un touchscreen da 7 pollici. La seconda non ha il touchscreen da 7 pollici, ma dispone di un LCD touch da 17,3 pollici nella sua base per sostituire la tastiera.

I notebook Aurora 7 di Expanscape sono naturalmente più costosi dei loro fratelli Aurora 5. Al momento, queste macchine vengono proposte a circa 17.340 euro per un modello standard, ma il prezzo lieviterà ulteriormente aggiungendo ulteriori personalizzazioni. Tutte le macchine Aurora 7 vengono fornite con 128 GB di memoria e 8 TB di memoria PCIe/NVMe e SATA.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

WhatsApp si aggiorna in beta e i termini di servizio sulla privacy tornano alla ribalta

next
Articolo Successivo

Xiaomi Redmi Note 9s, smartphone in offerta su Amazon con sconto del 26%

next