Bosch e Microsoft collaboreranno per la realizzazione congiunta di una piattaforma software che garantisca un’integrazione ottimale delle auto connesse con il Cloud, come si legge in una nota diffusa dall’azienda tedesca.

Bosch metterà a disposizione le proprie competenze riguardo alle architetture elettriche ed elettroniche nel settore automotive, mentre Microsoft condividerà quelle relative al Cloud Computing, occupandosi di software di base e middleware, nonché delle unità di controllo dei mezzi stessi.

L’obiettivo dei due colossi è quello di sviluppare la prossima generazione di software per l’utilizzo sugli autoveicoli. Una strategia che consentirà di ridurre drasticamente i costi di sviluppo e parallelamente aumentare la qualità.

La nuova piattaforma, che sarà basata su Microsoft Azure e includerà moduli software Bosch, verrà resa disponibile sui primi prototipi entro la fine del 2021. Sarà così possibile scaricare software e aggiornamenti dal Cloud direttamente nel computer delle vetture predisposte. Che in futuro utilizzeranno sempre di più questo tipo di servizi per la mobilità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mercato auto Europa, un gennaio da dimenticare. Immatricolazioni a -25,7%

next