Bosch e Microsoft collaboreranno per la realizzazione congiunta di una piattaforma software che garantisca un’integrazione ottimale delle auto connesse con il Cloud, come si legge in una nota diffusa dall’azienda tedesca.

Bosch metterà a disposizione le proprie competenze riguardo alle architetture elettriche ed elettroniche nel settore automotive, mentre Microsoft condividerà quelle relative al Cloud Computing, occupandosi di software di base e middleware, nonché delle unità di controllo dei mezzi stessi.

L’obiettivo dei due colossi è quello di sviluppare la prossima generazione di software per l’utilizzo sugli autoveicoli. Una strategia che consentirà di ridurre drasticamente i costi di sviluppo e parallelamente aumentare la qualità.

La nuova piattaforma, che sarà basata su Microsoft Azure e includerà moduli software Bosch, verrà resa disponibile sui primi prototipi entro la fine del 2021. Sarà così possibile scaricare software e aggiornamenti dal Cloud direttamente nel computer delle vetture predisposte. Che in futuro utilizzeranno sempre di più questo tipo di servizi per la mobilità.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mercato auto Europa, un gennaio da dimenticare. Immatricolazioni a -25,7%

next