Intorno alle 15 dall’ingresso posteriore di Palazzo Chigi esce l’ex presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Se abbia incontrato Mario Draghi, Conte non risponde. “Il mio futuro politico? Ora il mio futuro immediato sarà il rientro come professore all’Università. È terminata l’aspettativa quindi tornerò a Firenze”. Conte non spiega quel ‘ci sono e ci sarò’ detto al M5s: “Ci sono molti modi per partecipare alla vita politica. Adesso lo vedremo insieme agli amici con cui abbiamo lavorato”. Se non iscritto al M5s, forse il futuro è quello di perno dell’alleanza per lo sviluppo sostenibile con 5 stelle, Pd e Leu? “Quello è un progetto che io non ho declamato a caso, ma è un progetto che abbiamo iniziato a realizzare e che ha già prodotto dei risultati e altri vanno ancora realizzati. È un progetto ai cui credo molto sia da politico che da provato cittadino e da ex presidente del Consiglio. A questo progetto – conclude – continuerò a dare il mio contributo nelle modalità anche decideremo insieme”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

A Sinistra Italiana dico: ascoltate la base e smarcatevi!

next
Articolo Successivo

Renzi ha fatto emergere le contraddizioni interne ai partiti: ora basta polemiche

next