Il presidente russo Vladimir Putin ha negato di possedere la villa lussuosa sul Mar Nero denunciata dal Fondo Anticorruzione di Alexei Navalny nella video-inchiesta “Un palazzo per Putin”. “Non ho visto il filmato per mancanza di tempo, ma ho dato un’occhiata alle raccolte video che mi hanno portato gli assistenti. Nulla di ciò che vi è indicato appartiene a me o a miei parenti stretti, né gli è appartenuto”, ha specificato Putin parlando con degli studenti in una videoconferenza.

Secondo la denuncia di Navalny, l’inchiesta svelerebbe come “grazie alle tangenti, in questo momento e negli ultimi 15 anni Putin stia costruendo il palazzo più costoso al mondo”. “Un palazzo per Putin. La storia della tangente più grande”, è il titolo del video che contiene accuse di corruzione e appropriazione di fondi pubblici.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, sì ai transgender nell’esercito: così Biden smantella un altro pezzo dell’eredità di Trump

next