Stop a sacchetti, bicchieri, piatti e posate di plastica. Dal prossimo primo gennaio Malta sarà tra i primi Paesi della Unione europea a vietare l’importazione di oggetti monouso in plastica. A darne notizia è il il ministero maltese per l’Ambiente in una nota in cui ha annunciato l’introduzione del divieto assoluto di importazione “a seguito del completamento della consultazione pubblica e della pubblicazione ufficiale dei provvedimenti legali avvenuta oggi”. In base alla nuova legge, ha specificato il ministro Aaron Farrugia, il 2021 “sarà un anno di transizione per i prodotti già presenti sul mercato, ma dal 2022 la vendita e la distribuzione di questi prodotti sarà legalmente vietata“.

Nella nota è specificato che il divieto riguarderà oggetti come sacchetti di plastica, posateria, cannucce, piatti, bastoncini di cotone, recipienti per alimenti e agitatori per cocktail. “È più che mai ora di dare risposte ai nostri cittadini che ci chiedono di non sporcare le nostre spiagge, che vedono fotografie di gabbiani con gli stomaci pieni di prodotti plastici e di tartarughe intrappolate nei sacchetti di plastica”, ha dichiarato il ministro Farrugia assicurando che il governo maltese “continuerà a lavorare per avere risultati tangibili nella riduzione dell’inquinamento“.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Se grazie al vaccino tornassimo alla ‘normalità’ significherebbe che non abbiamo imparato nulla

next
Articolo Successivo

“Siamo tutti connessi, prendiamoci cura l’uno dell’altro”: il videomessaggio di Greenpeace con le immagini che hanno segnato il 2020

next