Torna la tensione in Val di Susa, dove un gruppo di No Tav è entrato in contatto con le forze dell’ordine a Venaus. Alla fine dell’assemblea che si è svolta al presidio, per decidere i nuovi appuntamenti dopo che questa notte sono iniziati i lavori per ampliare la recinzione del cantiere della Torino-Lione a Chiomonte, circa 150 persone hanno raggiunto il paese con l’intento di raggiungere Giaglio e portare solidarietà agli attivisti dei Mulini in Clarea. La fiaccolata dei No Tav, come si vede dalle immagini, si è avvicinata allo schieramento di carabinieri in tenuta antisommossa. Da lì le cariche e il lancio di lacrimogeni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Arcuri: “Al lavoro su anagrafe dei vaccini e app per tracciare le dosi”. Poi fa appello a medici e infermieri neolaureati: “Aiutateci”

next
Articolo Successivo

L’appello di Arcuri ai giovani: “Serve prudenza, speriamo che il Natale sia l’ultimo sacrificio”

next