Anni in prima linea come soccorritore del 118, infermiere, volontario nel sociale e nel mondo dell’associazionismo cattolico, dal 2014 responsabile di un hospice per anziani. Mirco Coffari, a 58 anni, è morto all’ospedale di Ravenna, dove era stato ricoverato dopo aver contratto il Covid. Dopo aver lavorato per anni al pronto soccorso dell’ospedale ravennate, Coffari era case manager dell’Hospice Villa Adalgisa. Non aveva patologie pregresse.

“La nostra comunità perde una persona di straordinaria umanità e di grandissima professionalità, molto stimato da tutto il mondo socio-sanitario e anche dalle famiglie degli ospiti della struttura, che trovavano in lui riferimento e conforto”, ha detto il sindaco Michele De Pascale. Coffari era stato coordinatore didattico, tutor e docente di Scienze Infermieristiche e aveva ricoperto vari ruoli di coordinamento all’interno del Polo Sanitario.

Presidente dell’associazione “Scienza e Vita”, era anche il referente locale del comitato “Difendiamo i nostri figli” e in passato aveva promosso molte attività per il Popolo della famiglia, partecipando ai Family Day. “Una perdita molto forte per la sua famiglia, per la comunità cristiana, per il servizio sanitario – ha detto l’arcivescovo di Ravenna Lorenzo Ghizzoni – Accompagniamo con la preghiera il suo passaggio con la certezza che il Signore lo accoglierà nel suo Regno”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Addio a Gigi Dall’Aglio, attore e regista morto per Covid. “Il teatro per lui era militanza e presidio dei valori democratici”

next