Fuochi d’artificio e lattine. È stata questa l’accoglienza riservata dai tifosi del Borussia Moenchegladbach all’Inter nella notte prima della sfida decisiva in Champions League di stasera. Intorno alle 4, riportano i media tedeschi, un gruppo di tifosi ha acceso diversi fuochi d’artificio davanti all’hotel che ospita la squadra di Conte, in stile Capodanno, per oltre 5 minuti, con evidente fastidio da parte del club. Inoltre, i tifosi hanno appeso uno striscione con la scritta “Ricordati Inter, va meglio con la Coca Cola”, chiaro rimando all’episodio della lattina di Boninsegna nella sfida tra i nerazzurri e tedeschi nel 1971, con diverse lattine di Coca Cola vuote rinvenute nei pressi dell’albergo. La polizia di Moenchegladbach ha avviato un’indagine.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Via all’iter per intitolare a Maradona il San Paolo. Da Menti a Franchi: ecco chi sono gli altri sportivi e presidenti ricordati nelle città

next
Articolo Successivo

Stadi, il governo inglese annuncia la riapertura fino a 4mila tifosi. Ma molti club sono contrari: “Le spese aumentano e non guadagneremmo”

next