Un insetto, un chiodo, un pezzetto di plastica. Di notizie di scoperte inquietanti nelle confezioni di generi alimentari se ne vedono spesso sui giornali. Più raramente si parla di un “pezzo di dito“, scoperto all’interno di una confezione di involtini. E’ almeno quello che ha denunciato un cliente di un supermercato di Imola, in provincia di Bologna. La Procura di Ravenna ha già disposto verifiche con analisi del Dna per capire se effettivamente sia un frammento di falange o se è altro. Secondo quello che racconta la stampa locale, un controllo dei carabinieri ha escluso che nel supermercato ci siano altre confezioni alterate. Dalle verifiche finora svolte, è emerso che l’involtino in questione è stato confezionato in una azienda in Spagna, là dove è presumibilmente accaduto che il frammento sia finito nell’impasto del cibo poi distribuito ai clienti.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Disgustati dagli altissimi compensi”, la lettera dei medici contro il presidente della cassa di previdenza Enpam

next
Articolo Successivo

Covid, Roberto Burioni: “I vaccinati possono trasmettere la malattia? Non è vero per tutti i vaccini”

next