Il candidato vaccino targato Oxford, Irbm e Astrazeneca è ben tollerato, soprattutto negli anziani, e induce una protezione immunitaria simile a quella vista nei giovani adulti. Sono stati pubblicati su The Lancet i risultati della fase 2 della sperimentazione condotta su 560 adulti sani, di cui 240 con più di 70 anni. Per sapere se il vaccino protegge dall’infezione da Sars Cov 2, bisognerà aspettare i risultati della fase 3 della sperimentazione ancora in corso. Del vaccino, di cui l’Agenzia europea dei farmaci (Ema) ha avviato all’inizio di ottobre la rolling review, primo passo dell’iter di approvazione, erano stati anticipati sulla stampa non scientifica alcuni risultati della fase 3.

Il vaccino di Oxford nella fase 2 è stato testato su 560 volontari, di cui 160 tra i 18 e 55 anni, 160 tra i 56 e 69 anni, e 240 con più di 70 anni. Sono stati divisi in 10 gruppi, che hanno ricevuto una dose bassa, standard o un vaccino di controllo (quello contro il meningococco). I partecipanti con più di 55 anni sono stati ulteriormente suddivisi in due gruppi: ad uno è stata somministrata una sola dose di vaccino, all’altro 2 dosi a distanza di 28 giorni l’una dall’altra. Hanno partecipato solo persone sane non contagiate dal virus. Dopo il vaccino i volontari hanno dovuto registrare qualsiasi tipo di effetto collaterale nei 7 giorni successivi e saranno monitorati per un anno dall’ultima dose di vaccino. Le reazioni avverse, come descritto nello studio pubblicato su Lancet, sono state lievi, come dolore e indolenzimento nel punto dell’iniezione, fatica, mal di testa, dolori muscolari e febbre, anche se più frequenti rispetto a chi aveva avuto il vaccino meningococcico. In sei mesi dalla prima dose sono state registrate 13 reazioni avverse gravi, nessuna delle quali però collegata al vaccino. Gli effetti collaterali sono stati meno frequenti negli anziani. Quanto alla risposta immunitaria, gli anticorpi specifici contro il virus si sono prodotti 28 giorni dopo la prima dose in tutti i gruppi d’età, e con la seconda dose sono aumentati al 56esimo giorno. Andamento simile con gli anticorpi neutralizzanti: due settimane dopo la dose di richiamo, 208 su 209 volontari di tutte le età li avevano sviluppati.

I dati di fase 3 saranno diffusi “probabilmente prima di Natale” ha spiegato alla Bbc, Andrew Pollard, ricercatore dell’ateneo britannico coordinatore della sperimentazione. Lo scienziato si dice “assolutamente soddisfatto dei risultati” di fase 2, che mostrano appunto una risposta immunitaria sostenuta “anche negli ultra 70enni”. Va ancora confermato se questo significhi che il vaccino li protegga: l’efficacia viene infatti valutata nei trial di fase 3, iniziati in agosto con dati attesi nelle prossime settimane. Pollard sottolinea che “avremo bisogno di tutti i vaccini attualmente allo studio per proteggere” dal coronavirus Sars-CoV-2 le persone di tutto il mondo. Lo studio pubblicato su Lancet indica che, a distanza di 2 settimane dalla somministrazione della seconda dose, il vaccino Oxford-Irbm-Astrazeneca induce la produzione di anticorpi neutralizzanti in oltre il 99% dei partecipanti alla sperimentazione.

L’abstract dello studio

Memoriale Coronavirus

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccino Covid, Pfizer termina l’analisi della fase 3 e annuncia: “Efficacia al 95%”. Moderna due giorni fa dava il suo candidato al 94,5%

next
Articolo Successivo

Coronavirus, lo studio: “Una persona su cinque sviluppa disturbi psichiatrici dopo la diagnosi di Covid”

next