Sono arrivati a Nerano via mare nel tardo pomeriggio di martedì 17 novembre, grazie a due imbarcazioni non ancora trovate, sbarcando a Marina del Cantone, uno dei borghi di Massa Lubrense, in provincia di Napoli. Si tratta di sedici migranti, 14 uomini e due donne, di nazionalità irachena e iraniana. Scesi dalle imbarcazioni si sono diretti verso le case, dove hanno trovato la generosità dei proprietari di un alimentari/salumeria che, nonostante l’orario, hanno aperto il negozio per dar loro da mangiare, come si vede dalle immagini. “Ma a me pare normale, ma chi nega l’acqua e il cibo? Sono esseri umani e io sono un essere umano”, ha detto la proprietaria, la signora Rosa, intervistata da Fanpage, raccontando di aver dato loro acqua, cibo e brioche, insomma “cose che potevano magiare”. I carabinieri, subito allertati, hanno dato il via a tutte le procedure di emergenza e sanitarie, insieme agli uomini del 118, a quelli della Guardia Costiera e alla pulizia municipale.
Il sindaco di Massa Lubrense, Lorenzo Balducelli, ha dato loro asilo nella Sala delle Sirene del Comune in attesa di stabilire domani dove verranno collocati. Sono state anche attivate le procedure per sottoporli alla profilassi dei tamponi, già effettuati e da processare nel pomeriggio, e per identificarli. Tutti hanno tra i 20 e i 22 anni.
Video Facebook Biagio Cioffi

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scoperto traffico di materiale medico riciclato tra Italia e Portogallo. Sequestrati dispositivi di protezione per oltre 200mila euro

next
Articolo Successivo

“Contrabbando di mascherine dalla Cina”: denunciato imprenditore. Sequestrati 6.200 dispositivi in provincia di Ravenna

next