Il confronto nella maggioranza per il nuovo programma di governo è iniziato in salita. Già alla seconda riunione del tavolo dei capigruppo, che dovrebbe definire il percorso per aggiornare il patto dell’esecutivo e indicare le riforme istituzionali da portare avanti da qui a fine legislatura, emerge la prima spaccatura. Non c’è intesa, infatti, su quali riforme portare avanti in via prioritaria.

I capigruppo, coordinati dal ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà, hanno deciso di percorrere due strade. La prima si svolge attraverso un tavolo sulle riforme, che vedrà i capigruppo impegnati in un secondo incontro venerdì mattina: lì si procederà nell’esame delle riforme costituzionali già presentate come il voto ai 18enni, la legge elettorale e alcune altre possibili modifiche che potrebbero essere introdotte a seguito della riduzione del numero dei parlamentari. Un secondo percorso porterà invece ad una verifica dell’attuale programma di governo all’interno dei gruppi parlamentari che sarà concluso, stando a quanto emerge, entro la prima settimana di dicembre.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanità Calabria, Gaudio rinuncia all’incarico. Strada: “A me nessuna proposta formale. Situazione difficile, non diventi grottesca”

next
Articolo Successivo

Calabria, Spirlì a ‘La Zanzara’: “Gino Strada? Dovranno passare sul mio corpo per fare le nomine. Non abbiamo bisogno di missionari”

next