I negozi, ma anche la Casa Bianca. Washington si prepara al posto voto per le elezioni Usa 2020 e lo fa chiudendosi a riccio. Le vetrine sono delimitate, così come la residenza del presidente degli Stati Uniti, perché si temono rivolte dopo i risultati. E, tra i tanti video pubblicati in rete, spunta quello di Nigel Farage che, in America per sostenere il candidato repubblicano Donald Trump, ha registrato una clip con cui mostra la città blindata, denunciando l’assenza di democrazia. “Potete pensare che quello che vedete sia normale – commenta l’ex europarlamentare, leader della Brexit – ma non lo è. Io penso che dovremmo insegnare che le opinioni, in democrazia, sono tutte accettabili”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Elezioni Usa 2020, la guida al voto: dai Grandi elettori alla regola del “winner takes all”

next