“Con zero casi e data la quantità di test effettuati nel weekend, siamo in grado di dire che è giunto il momento di riaprire”. Bastano queste poche parole per fare trapelare la soddisfazione del premier dello Stato di Victoria Daniel Andrews, che ha annunciato la fine del lockdown dopo più di 100 giorni, la riapertura delle attività da mercoledì e zero casi di Covid-19 per la prima volta da giugno.

Lo Stato di Victoria, di cui Melbourne è la capitale, era stato l’epicentro della seconda ondata in Australia con il 90% delle 905 morti registrate nel Paese. Melbourne era stata messa in confinamento 111 giorni fa, con restrizioni sugli spostamenti e la chiusura di negozi e ristoranti.

A luglio nello Stato di Victoria si era verificata un’impennata di nuovi casi, fino a 700 al giorno, ma le rigide misure di confinamento avevano ridimensionato i numeri. “Fondamentalmente, questo è stato possibile grazie a ogni singolo cittadino che ha seguito le regole, che ha lavorato con me e con la mia squadra, per mettere fine alla seconda ondata”, ha detto il premier Andrews.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili