È la notte tra l’8 e il 9 maggio 2019 e nella hall dell’hotel Champagne di Roma Luca Palamara, in compagnia dei parlamentari Luca Lotti e Cosimo Ferri e dei colleghi del Csm Luigi Spina, Antonio Lepre, Gianluigi Morlini e Corrado Cartoni, discute del futuro della procura di Roma. Il trojan che ha infettato il suo telefono registra in diretta le conversazioni. In esclusiva per i lettori de ilfattoquotidiano.it ecco le manovre vagliate quella sera, lo “scenario ipotizzato”, inclusa la strategia per convincere uno dei tre candidati, il procuratore capo di Firenze, Giuseppe Creazzo, a revocare la domanda, facendogli capire che non avrebbe potuto vincere. Si vuole evitare un “frazionamento a tre”, cioè l’arrivo al plenum del Csm di tutte e tre le candidature, ovvero, oltre Creazzo, quelle del procuratore capo di Palermo, Francesco Lo Voi e del procuratore generale di Firenze Marcello Viola. E Palamara spiega come ha sempre agito da leader della corrente Unicost: “I perdenti li scarico sempre”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fondi Lega, “un contratto e una consulenza falsi per giustificare il passaggio di 170mila euro”

next
Articolo Successivo

Banca Popolare di Bari, i pm: “Edificata una gigantesca casa del debito”. Il gip: “Nefandezze sul gruppo Fusillo”

next