Una piazza Matteotti (inaspettatamente) gremita ha accolto il segretario del Pd Nicola Zingaretti arrivato a Genova per sostenere la candidatura di Ferruccio Sansa a presidente della Regione. “Perché Sansa presidente? Perché è l’unico che può governare bene e fermare le destre – striglia i suoi il leader dem -. Mi hanno detto che aveva parlato male di noi sul giornale e io ho detto: governerà bene? Può battere Toti? C’è una coalizione larga? E allora basta con le divisioni!”.

In piazza anche qualche esponente del Movimento 5 Stelle e ovviamente i candidati del partito democratico. Per Ferruccio Sansa “Questo nostro esperimento è la trasformazione di una coalizione in un’alleanza di idee, progetti e persone. Abbiamo sensibilità diverse ma una passione ideale comune a cui abbiamo unito proposte concrete. In queste settimane persone che non si conoscevano hanno imparato a lavorare insieme e ora parliamo la stessa lingua, non si guarda più alle appartenenze di partito. Cura e responsabilità sono le parole chiave – conclude Sansa – chi ci governa oggi non se ne prende mai”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Taglio dei parlamentari, Veltroni e Bertolaso votano No al referendum. Il fondatore del Pd: “Vero problema è bicameralismo perfetto”

next
Articolo Successivo

M5s Roma, dalle fronde dei consiglieri comunali alle accuse di hackeraggio: le guerre interne che complicano la corsa della Raggi

next