“I partiti hanno votato sì in Aula sul taglio dei parlamentari. Non se la sono sentita, con il voto palese, di fronte agli italiani di votare no”, così il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, durante un comizio a Macerata, ha parlato del prossimo referendum sul taglio dei parlamentari, criticando le forze politiche che ora hanno cambiato idea. “Poi qualcuno si è svegliato e si è chiesto se veramente la riforma fosse passata e ha raccolto le firme per chiedere referendum”, ha continuando facendo un elenco di tutti i partiti che in Parlamento si erano detti favorevoli alla riforma.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Referendum, Giorgetti per il No: “Il sì? Favore al governo”. Un anno fa in Aula votò per il taglio: “I seggi possono essere 500, 400, 300”

next
Articolo Successivo

Referendum, M5s in piazza per il Vota Sì Day. La sardina Santori si presenta al comizio di Di Maio in Toscana con la maglietta per il No

next