Il giornalista di Diritto e Rovescio (Rete4) Francesco Selvi ha denunciato di essere stato aggredito da Beppe Grillo sulla spiaggia di Marina di Bibbona (Livorno). “Stamani intorno alle 10”, ha detto, “l’ho incontrato in uno stabilimento balneare. Ero nella zona per realizzare un servizio. Dopo essermi qualificato ho fatto alcune domande di politica al signor Grillo con il cellulare acceso. Grillo prima ha cercato di portarmi via il cellulare poi dopo avermi spruzzato addosso del liquido igienizzante mi ha spinto con forza facendomi cadere indietro da una scala che collega lo stabilimento alla spiaggia”. Selvi ha quindi raccontato di essere stato costretto ad andare al pronto soccorso, dove gli sono stati consigliati “5 giorni di prognosi per un trauma distorsivo al ginocchio“.

L’accaduto è stato reso noto da Sandro Bennucci, presidente dell’Associazione Stampa Toscana (Ast), d’intesa con la Federazione Nazionale della Stampa Italiana (Fnsi). “Gli organismi dirigenti dell’Ast si stringono solidali e indignati al collega”, ha scritto Bennucci in una nota. L’Associazione Stampa Toscana e la Fnsi, continua la nota, “uniscono all’indignazione una ferma protesta: non è tollerabile che un personaggio impegnato in maniera diretta o indiretta in politica, quindi un uomo pubblico a tutti gli effetti, reagisca in maniera violenta davanti a un giornalista che sta solo esercitando la sua professione”. Ast e Fnsi hanno rivolto anche “un accorato appello alle istituzioni perché tutelino chi lavora nell’informazione, visto che è costretta a registrare, per l’ennesima volta nel giro di pochi mesi, l’aggressione a un giornalista in Toscana”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il politicamente corretto uccide la libertà di espressione. Almeno secondo alcuni

next