Si apre a Milano il 29 settembre il processo di appello per la morte del fotoreporter Andrea Rocchelli e del suo interprete Andrei Mironov, uccisi il 24 maggio 2014 in prima linea nell‘Ucraina orientale, vicino a Sloviansk. A oggi l’unico accusato e condannato in primo grado a 24 anni di carcere è Vitaly Markiv, soldato dell’esercito ucraino. Per capire cosa sia accaduto e se sia veramente lui il colpevole, quattro giornalisti hanno realizzato il documentario dal titolo “The wrong place” in uscita il prossimo autunno. Cristiano Tinazzi, Olga Tokariuk, Danilo Elia e Ruben Lagattolla (sostenuti da FIDU, Federazione italiana firitti umani, Open Dialogue Foundation, Fondazione Justice for Journalists, Nessuno tocchi Caino) hanno raccolto le voci di fotografi, testimoni e giornalisti presenti in quei giorni. “Spesso i giornalisti, soprattutto i freelance, devono spingersi oltre, più avanti degli altri, per poter fare e vendere le loro foto e i loro articoli” racconta il regista Cristiano Tinazzi. “Secondo noi la ricostruzione che è stata fatta non è chiara. Noi abbiamo geomappato tutta l’area con l’utilizzo di droni, mentre nelle indagini è stato usato Google Earth”. Gli autori del documentario hanno inoltre trovato due testimoni chiave sopravvissuti all’attacco che l’accusa italiana non ha mai rintracciato e hanno parlato con decine di giornalisti di vari paesi che hanno descritto la situazione a Sloviansk e nell’area vicino al passaggio ferroviario, dove Rocchelli e Mironov sono stati uccisi”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Mario Paciolla, per capire la sua morte dobbiamo comprendere la Colombia oggi

next