Dal gennaio del 2021 i Kennedy saranno fuori dal Congresso: a parte una piccola parentesi di due anni, non succedeva dal 1947. Joseph Patrick Kennedy III, nipote di Bob Kennedy e pronipote di Jfk, è diventato il primo esponente della famoso clan politico americano a perdere nel feudo di famiglia del Massachusetts, nelle primarie per un seggio al Senato. Deputato dem di 39 anni, Kennedy junior è stato sbaragliato con una decina di punti di distacco da un veterano progressista del partito, il 74enne senatore uscente Edward Markey, da 44 anni a Capitol Hill, di cui sette nel ramo alto del parlamento. Una sconfitta che potrebbe segnare il tramonto di una famiglia paragonata negli Stati Uniti a una famiglia reale. E dire che nel 2012 Joe era divenuto il primo Kennedy della sua generazione ad ottenere un seggio in politica. Da allora era considerato uno degli astri nascenti del partito, tanto che, come ricorda l’Ansa, nel 2018 gli fu affidata la replica al discorso sullo stato dell’Unione del presidente Donald Trump.

Il giovane Kennedy ha riconosciuto subito la sconfitta e si è congratulato con il rivale, al termine di un duello fratricida, dato che i due hanno posizioni liberal molto vicine. Per marcare le differenze, aveva dovuto rinfacciare a Markey il suo voto a favore della guerra in Iraq e quello contro i bus anti segregazione, assicurando di essere più vicino di lui alle famiglie modeste e alle minoranze. “Il mio nome e la mia famiglia non c’entrano, nella scheda ci sono solo io”, si era schermito. Il senatore si era presentato invece come un candidato anti establishment e aveva insistito sulle proprie umili origini come figlio di un lattaio, sulle sue battaglie liberal. A fare la differenza sono stati i due schieramenti in campo, specchio di una lotta interna al partito che potrebbe deflagrare dopo le elezioni. Da un lato l’establishment, con a capo la speaker della Camera Nancy Pelosi, che ha sostenuto Kennedy. Dall’altro i progressisti, che hanno appoggiato Markey: da Elizabeth Warren ad Alexandria Ocasio-Cortez, che ha firmato insieme a lui il Green New Deal ecologista e che nel 2024 potrebbe candidarsi alla Casa Bianca.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

La Francia supera di nuovo i 7mila contagi giornalieri: è la seconda volta in 7 giorni. Spagna, più di 3600 casi in un giorno

next
Articolo Successivo

New York Times: “Il vaccino per il Covid verrà distribuito negli Usa tra ottobre e novembre”

next