Il cargo giapponese Mv Wakashio, incagliato dal 25 luglio nella barriera corallina a largo delle Mauritius con 4.000 tonnellate di petrolio, si è spezzato in due dopo aver perso già oltre 1.000 tonnellate di carburante. Le immagini aeree mostrano le attuali condizioni della nave. Le squadre di salvataggio hanno fatto tutto il possibile per pompare le restanti 3.000 tonnellate di petrolio dalla nave, dove dovrebbero esserne rimaste solo 90. Il governo di Mauritius ha annunciato che chiedera’ all’armatore giapponese di pagare i danni. La nipponica Nagashi Shipping, si e’ detta disponibile al risarcimento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gran Bretagna, record di sbarchi di migranti dalla Francia. Ma per “riprendersi i confini” Johnson dipende dall’Europa

next
Articolo Successivo

Caccia russo affianca aereo Marina italiana su Mar Nero: “No violazioni confine”. Ma Difesa smentisce

next