Sono già 4mila le persone che si sono offerte volontarie per i test sull’uomo del nuovo vaccino Made in Italy contro il coronavirus GRAd-COV2. A dare l’annuncio è stato un soddisfatto assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato: “La manifestazione d’interesse pubblica dell’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive, Lazzaro Spallanzani di Roma, per la ricerca dei volontari per la sperimentazione del vaccino anti Covid-19 ha superato le 4mila adesioni. Una risposta straordinaria che riempie di orgoglio”, ha dichiarato il membro della giunta Zingaretti.

Il vaccino gode di un finanziamento iniziale di 8 milioni di euro, 5 erogati dallaRegione Lazio e 3 dal ministero della Ricerca Scientifica per il tramite del Consiglio Nazionale delle Ricerche e la sua sperimentazione sull’essere umano prenderà il via dal 24 agosto.

Realizzato, prodotto e brevettato dalla società biotecnologica italiana ReiThera, il vaccino utilizza la tecnologia del “vettore virale non-replicativo”, ovvero incapace di produrre infezione nell’uomo. Il vettore virale agisce come un minuscolo “cavallo di Troia”, che induce transitoriamente l’espressione della proteina spike (S) nelle cellule umane. Questa proteina è la “chiave” attraverso la quale il virus, legandosi ai recettori presenti all’esterno delle cellule polmonari, riesce a penetrare e a replicarsi all’interno dell’organismo umano. La presenza della proteina estranea innesca la risposta del sistema immunitario contro il virus.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“I casi di morbillo al minimo storico dal 2010”: lo studio del Centro europeo. Le spiegazioni degli esperti e come ha influito il lockdown

next
Articolo Successivo

Vaccino contro il Covid, l’annuncio dell’Oms: “Nove già in fase 2 e 3 di sperimentazione (le più avanzate)”. Ma non c’è quello russo

next