Alla stazione Termini di Roma sono ancora molti i disagi per i passeggeri a causa del ripristino del contingentamento dei posti sui treni ad alta velocità. “Ho un treno Italo, sto in ritardo di 80 minuti in questo momento. Vado a Reggio Calabria e ho preso il biglietto il 15 Luglio con il distanziamento sociale, sono immunodepressa quindi non potrei viaggiare altrimenti e sono stata avvisata stamattina alle 10 quando ero già in stazione che il treno era stato soppresso – spiega una passeggera – dobbiamo salire su un altro treno, sempre Italo, non ho neanche il posto assegnato. Quando salirò chiederò” continua.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gioia Tauro, carabinieri sentono intenso odore da un capannone e scoprono 7mila piante di marijuana essiccate: il video del ritrovamento

next
Articolo Successivo

Roma, il museo sul fascismo non si farà. La sindaca Raggi blocca la mozione della consigliera M5s

next