In marzo, allarmate dalla crescita esponenziale dei contagi in Italia, migliaia di badanti e colf straniere erano rientrate nei paesi d’origine. Su tutti quelli dell’est Europa, da cui proviene il 40% di chi è impiegato in questo settore in Italia. Ma ora che il virus colpisce duro nei Balcani è iniziato il percorso inverso. Con un problema da risolvere: dove può trascorrere la quarantena obbligatoria, imposta la settimana scorsa anche a chi arriva da Romania e Bulgaria, chi di solito convive con la persona che assiste?

“Per ora si è mosso circa il 20% di chi era tornato in patria a causa della pandemia, ma da qui a fine agosto, al termine delle ferie, saranno migliaia a rientrare in Italia”, racconta Lorenzo Gasparrini, segretario generale di Domina, l’Associazione nazionale dei datori di lavoro domestico. Un contro esodo che viaggia in gran parte su autobus e minivan, dove i controlli sono più complicati, e che ha portato il ministro della Salute Roberto Speranza a disporre appunto la quarantena di 15 giorni per chi abbia soggiornato, nelle ultime due settimane, nei due Paesi balcanici. Il problema però ora è rendere efficace questa misura: “Bisogna informare le persone che tornano e trovare strutture in grado di accoglierle – continua Gasparrini -. Tante badanti, penso a quelle conviventi e che sono in Italia senza famiglia, non hanno un posto alternativo in cui stare in isolamento”.

La proposta dell’associazione è quella di utilizzare gli alberghi, come già successo durante i mesi dell’emergenza sanitaria: “A Roma ci sono tanti hotel che in questo periodo sono vuoti o addirittura chiusi per mancanza di turisti, se ne potrebbero individuare alcuni per ospitare chi torna dai paesi a rischio, dando un certificato al termine della quarantena. Solo così le famiglie potranno stare tranquille”. Anche per Assindatcolf l’ordinanza è solo un primo passo: “La quarantena non basta – dice la segreteria nazionale, Teresa Benvenuto – sappiamo che ci sono tante persone asintomatiche, ci vogliono tamponi per chi torna e un monitoraggio costante. Per evitare nuovi focolai è necessario un controllo sistematico”.

Ogni anno in agosto, secondo stime Domina, 250mila tra badanti e colf dell’est Europa tornano nei loro paesi d’origine, un dato al ribasso dato che non tiene conto degli irregolari. “Circa la metà di queste persone è rientrata a causa della pandemia e si muoverà dopo l’estate”, è la previsione di Gasparrini. Nel prossimo mese dunque l’Italia dovrà gestire numeri ben superiori rispetto a quelli attuali. “Le famiglie hanno paura perché queste lavoratrici sono a contatto ogni giorno con anziani e persone immunodepresse”.

La preoccupazione è aumentata dopo i casi di contagio emersi negli ultimi giorni in Lazio e Campania tra alcune badanti di ritorno da Romania e Bulgaria, ma il primo allarme era scattato in giugno, quando nel padovano si era sviluppato un focolaio a partire da una badante rientrata dalla Moldavia e risultata positiva al test. Il presidente del Veneto Luca Zaia aveva reagito emanando un’ordinanza che rendeva obbligatori e gratuiti i test per le badanti di rientro dai paesi extra Ue, e che dunque non riguardava la Romania. Da lì arrivano oltre 300mila badanti che prestano servizio in Italia: “Le famiglie hanno bisogno di loro, ma anche di sapere che non metteranno a rischio la salute delle persone che assistono”, dice Benvenuto. “Ad oggi molti datori di lavoro non sanno come muoversi e ci sono troppe differenze tra le Regioni: per rendere effettiva l’ordinanza bisogna affrontare la questione in modo organico”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Da Varese a Lourdes per raccogliere fondi per l’emergenza: 1000 chilometri in sei giorni per “ripartire per bene”. Ecco la sfida di 8 ciclisti

next
Articolo Successivo

Abdoul Diakhate, “Un calciatore mi ha picchiata in un locale e nessuno mi ha aiutato”. La denuncia di Samantha: “Voglio giustizia”

next