Almeno 284.196. È il numero di contagi registrati dall’Oms nelle ultime 24 ore, che segna un nuovo record giornaliero a livello globale. Intanto Usa e Brasile contano rispettivamente 1.150 e 1.156 decessi e 73.800 e 55.891 nuovi casi da Covid-19. Sono loro i Paesi coi numeri più pesanti al mondo. Intanto il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha annunciato in un tweet di essere risultato negativo al test del coronavirus, dopo tre test positivi dal 7 luglio.

Guardando all’Europa, preoccupa la situazione della Catalogna e dei Paesi dell’ex blocco e soprattutto della Romania, dove nelle ultime 24 ore si sono aggiunti altri 1.284 casi, nuovo record dall’inizio della pandemia. Il numero totale degli infetti è salito a 43.678, i decessi a 2.165 dopo i 15 delle ultime 24 ore. Numeri che hanno indotto il ministro della Salute Roberto Speranza ad inserire la Romania nella lista dei Paesi dai quali chi arriva in Italia sarà obbligato a osservare una quarantena di quattordici giorni. Anche la Polonia registra 584 nuove infezioni: un aumento, secondo alcuni esperti, che potrebbe essere legato alle elezioni presidenziali del 28 giugno e 12 luglio scorsi.

La Francia ha individuato una lista di 16 Paesi “dove la circolazione del virus è particolarmente forte”, decidendo che per i passeggeri provenienti da questi Paesi saranno previsti test obbligatori nei prossimi giorni, al più tardi dal 1° agosto. Tra i 16 Paesi individuati ci sono Stati Uniti, Israele, Algeria, Turchia, Brasile, India e Sudafrica. Non c’è invece l’Italia: l’unico Paese europeo colpito dalla misura è la Serbia. In Germania invece, dove nei giorni scorsi sono stati registrati 2mila nuovi contagi legati al mattatoio-focolaio in Bassa Sassonia, per il ministro-presidente del Land della Sassonia (Germania orientale), Michael Kretschmer “la seconda ondata” della pandemia di Covid-19 “è già qui”, mentre le Bahamas hanno deciso il lockdown per questo fine settimana dopo una nuova fiammata di casi. In Ucraina record di 1106 infezioni in 24 ore: le autorità questa settimana hanno quindi deciso di estendere le misure di contenimento a livello nazionale fino al 31 agosto, imponendo l’uso della mascherina e il rispetto delle misure di distanziamento nei ristoranti e nei luoghi pubblici.

I numeri nel mondo – Ieri i nuovi contagi nel mondo sono stati almeno 284.196. Un dato che però potrebbe aumentare nelle prossime ore perché ancora non tutti i Paesi hanno aggiornato l’Oms. Per il momento, quindi, si tratta di un incremento di quasi il 15% rispetto ai 247.224 casi riportati giovedì. Il record giornaliero precedente era stato segnato sabato scorso con 259.848 infezioni. Nel complesso, ad oggi sono stati notificati all’Oms 15.296.926 contagi accertati. Sempre per nella giornata di ieri l’Oms ha registrato ulteriori 9.753 decessi provocati dal coronavirus, un dato che porta il totale dall’inizio della pandemia a 628.903.

Francia – Il premier francese Jean Castex ha annunciato l’avvio dei test da 16 Paesi al termine di una lunga riunione di ieri del Conseil de défense, cioè del Consiglio dei ministri in forma ristretta presieduto dal presidente della Repubblica Emmanuel Macron. Chi arriva dai 16 Paesi dell’elenco sarà tenuto a presentare all’imbarco un test che provi che non è portatore del virus. Per quei Paesi in cui “l’accesso ai test è difficile”, la Francia prevedrà dei test generalizzati all’arrivo, ha precisato il premier. Ieri la Direzione generale della sanità francese ha lanciato un’allerta per “un netto aumento” della circolazione del coronavirus in Francia, sottolineando che “siamo tornati a livelli paragonabili a quelli della fine del periodo di lockdown“, parlando di 1130 nuovi casi nelle ultime 24 ore.

Brasile – Ha registrato ulteriori 1.156 decessi e 55.891 nuovi contagi da Covid-19 nelle ultime 24 ore. Il numero complessivo dei casi confermati è dunque salito a 2.343.366, mentre il totale delle vittime dall’inizio della pandemia ha raggiunto quota 85.238. Il tasso di letalità (ovvero la percentuale di decessi rispetto al numero di malati) è del 3,6%, mentre quello di mortalità è pari a 40,6 persone ogni 100 mila abitanti.

Sassonia – “Abbiamo nuovi cluster di contagi ogni giorno”, ha detto Kretschmer, che però ha elogiato il lavoro dei Lander con le autorità sanitarie per arginare la seconda ondata (“sta funzionando bene”). Nella sua visione, la Germania trae un vantaggio reale dalla struttura federale, essendo in grado di operare in modo più preciso a livello locale grazie ai poteri posti nelle mani dei sedici stati federati. Ieri il Robert Koch Institut, l’ente nazionale responsabile per il controllo e la lotta contro le malattie infettive, aveva indicato un forte aumento del numero giornaliero di nuovi casi di coronavirus in Germania.

Bahamas – Il lockdown è stato deciso per la prima volta dal primo luglio dopo che nelle ultime 24 ore sono stati rilevati 42 nuovi contagi, un dato che ha portato il numero complessivo a 316. La popolazione, ha annunciato il premier, potrà uscire solo per fare la spesa e per emergenze, come problemi di salute. Inoltre, potrà recarsi al lavoro solo il personale ritenuto essenziale. Tutte le attività commerciali e le funzioni religiose saranno vietate. Uno scenario che probabilmente si ripeterà anche nei weekend a venire. Il premier ha poi fatto marcia indietro sul divieto entrato in vigore mercoledì ai voli commerciali provenienti dagli Stati Uniti, ma ha imposto una quarantena di 14 giorni ed il test anti coronavirus a tutti coloro che arrivano dall’estero.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus: Catalogna chiude discoteche, locali notturni e pub. Francia: “Non andateci”. Norvegia e Uk: ‘Isolamento per chi viene da Spagna’

next
Articolo Successivo

Corse con i monopattini elettrici lungo gli Champs Elysées: il viale di Parigi diventa una pista notturna – Le immagini

next