Motorola ha oggi annunciato l’arrivo sul mercato per il mese di luglio del Moto g 5G plus, uno smartphone di fascia media che, come il nome stesso anticipa, offrirà la connettività anche alle nuove reti 5G.

Il Moto g 5G plus si posiziona al top dell’offerta di Motorola nella fascia media con un design rinnovato ed una scheda tecnica di tutto rispetto: all’anteriore troviamo un ampio display FullHD+ da 6,7″ a 21:9, con frequenza di refresh a 90Hz, nella cui parte superiore sono innestate le due fotocamere frontali, una standard da 16MP ed una da 8MP con lente grandangolare, il retro in policarbonato con una colorazione ad effetto gradiente ospita nella parte superiore sinistra un riquadro contenente il sistema di quattro fotocamere composto dal sensore principale da 48MP (con supporto alla tecnologia quad-pixel), un sensore da 5MP per le foto Macro, un sensore da 8MP con lente ultragrandangolare ed il sensore di profondità da 2MP, a fianco il flash verticale.

All’interno, cuore pulsante del nuovo smartphone di Motorola, il SoC Snapdragon 765 di Qualcomm (CPU Octa-Core con frequenza massima di 2,3GHz) associato, nella versione destinata al mercato italiano, a 4GB di RAM e 64GB di storage (espandibile), ed un’ampia batteria da 5000mAh. Sul versante software a bordo del nuovo Moto g sarà presente al lancio Android 10 in una versione quasi stock, che vedrà il pacchetto MyUX del produttore americano come unico software aggiuntivo, rendendo disponibili le gesture di Moto Actions e le funzionalità di Moto Display.

Il Motorola Moto g 5G plus arriverà in Italia in versione dual sim con un prezzo di partenza di 399€

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

ISTAT: oltre 6 milioni di famiglie italiane non usano Internet

next