Proprio quando pensava di poter tirare un sospiro di sollievo, la Spagna torna ad abbassare le saracinesche, dopo la risalita dei contagi. Dopo il confinamento di 200mila abitanti della Catalogna annunciato sabato, oggi anche in Galizia scatta il lockdown per 70mila persone. La regione nord-occidentale è nota soprattutto per il santuario del capoluogo regionale, Santiago di Compostela, famosa meta di pellegrinaggio. Al momento in Galizia ci sono 258 casi, 117 dei quali a Lugo.

Dopo la scoperta di un focolaio con oltre 100 casi, la Generalitat ha decretato il confinamento dei residenti di La Marina. La notizia è stata diffusa da El Pais, citando il ministro della Salute Jesùs Vàsquez. Gli abitanti della provincia di Lugo, quindi, non potranno lasciare la zona dalla mezzanotte di domenica a venerdì prossimo, ovvero due giorni prima delle elezioni regionali: solo le persone che dovranno viaggiare per comprovate necessità potranno lasciare la località. Il ministro della Sanità regionale Jesus Vazquez Almuina ha spiegato che i nuovi focolai sono legati alle attività di alcuni bar nell’area.

Una serie di chiusure che arrivano nel pieno della stagione turistica, imprescindibile per l’economia iberica ma partita tra mille difficoltà. Solo il 4 luglio il Paese – ottavo al mondo per numero di vittime del Covid – aveva riaperto le sue frontiere agli arrivi di 12 nuovi Paesi, seguendo le raccomandazioni dell’Ue ma escludendo Marocco, Algeria e Cina. Apertura tra le perplessità, perché il giorno prima aveva registrato 17 morti per coronavirus in un giorno, il più alto numero di vittime dal 19 giugno. Madrid aveva già riaperto il 21 giugno ai cittadini Ue, britannici e dello spazio Schengen. Il ministero della Salute ha sottolineato che negli aeroporti sono stati dispiegati dei rinforzi per “il controllo dei viaggiatori in arrivo” con termometri e una raccolta dati per poterli contattare

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Huawei sarà bandita dalla rete 5G britannica” perché non sicura. L’azienda: “Politica Uk dettata da Casa Bianca”. Cina: “False accuse”

next
Articolo Successivo

Matarife, la web serie sui legami criminali di Uribe è un caso in Colombia: censurata in tv, attira milioni di spettatori su internet

next