Appalti senza gara per lavori di importo fino a cinque milioni di euro. Eccolo qui il saldo attivo della pandemia, il costo civile di scelte, naturalmente approvate per far fronte alla gravissima crisi economica, che incidono in un settore, quello dei lavori pubblici e degli appalti, da sempre magma indistinto, opaco, dai lineamenti troppe volte collusi con chi non ha a cuore né la trasparenza né la legalità.

Se le anticipazioni fatte filtrare saranno confermate, questo governo compirà il suo primo vero azzardo: allentare i cordoni della borsa e della legge pur di ridar fiato all’economia e agevolare la scelta discrezionale delle singole amministrazioni al momento di affidare lavori di importo anche cospicuo.

Chi giustifica l’azzardo dirà che è divenuto insopportabile osservare la stasi dei lavori pubblici, i 120 miliardi di euro (investimenti pluriennali) disponibili e non spesi, la necessità di far fronte con una cura da cavallo alla oramai esangue industria italiana.

Siamo oramai imbullonati, ogni giorno, nel commento di una burocrazia divenuta all’apparenza solo ostruttiva, delle centinaia di barriere e di codicilli che rendono impossibile una data certa per l’avvio dei lavori e, soprattutto, una data certa per la loro conclusione.

Si può contestare una verità simile?

Nessuno potrebbe. Però nessuno, se davvero dovesse essere licenziata una deregulation così imponente, può nascondere un timore, che domani potrebbe trasformarsi in una triste certezza: quanti casi di malversazioni – presunte o reali – di agevolazioni – vere o fittizie – di compromessi al ribasso, di lavori mal eseguiti, di varianti esose e ingiustificate saremo costretti a contare?

Le condizioni di efficienza e di trasparenza del nostro apparato pubblico si conoscono: sono al di sotto di ogni sospetto.

Si conoscono pure le condizioni della nostra economia, l’espulsione certa di migliaia e migliaia di lavoratori dal processo produttivo.

Queste due enormi crisi – sovrapponendosi – esercitano una pressione che spinge la nave al largo.

E’ purtroppo atteso un moto ondoso. Ed è bene che si sappia oggi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’acqua bene pubblico indisponibile e fonte primaria di sviluppo stella cadente del programma M5s

next
Articolo Successivo

L’istantanea – Modello Scampia: stupiamoci del bello, per una volta

next