La Procura di Reggio Emilia ha chiesto il rinvio a giudizio per 24 persone nell’ambito dell’inchiesta Angeli e Demoni sui presunti affidi illeciti in Val d’Enza. Sono 155 i testimoni citati dall’accusa, 48 le parti offese, tra cui l’Unione dei Comuni Val d’Enza, i Comuni di Gattatico e Montecchio, il ministero della Giustizia e la Regione Emilia-Romagna. L’inchiesta è stata seguita dai carabinieri, coordinati dalla pm Valentina Salvi. La chiusura delle indagini risale al 14 gennaio scorso, poche settimane prima della chiusura della campagna elettorale per le elezioni Regionali in Emilia-Romagna, e il caso era scoppiato il 27 giugno 2019 con l’esecuzione di 18 misure cautelari.

L’udienza preliminare è stata fissata per il 30 ottobre. I reati contestati nell’indagine sono, a vario titolo, peculato d’uso, abuso d’ufficio, violenza o minaccia a pubblico ufficiale, falsa perizia anche attraverso l’altrui inganno, frode processuale, depistaggio, rivelazioni di segreto in procedimento penale, falso ideologico in atto pubblico, maltrattamenti in famiglia, violenza privata, lesioni dolose gravissime, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

Tra gli imputati compaiono Federica Anghinolfi, ex responsabile dei servizi sociali dell’Unione Val d’Enza, la psicoterapeuta Nadia Bolognini e il marito Claudio Foti della onlus Hansel & Gretel. Chiesto anche il rinvio a giudizio per il sindaco di Bibbiano Andrea Carletti: il primo cittadino risponde di reati legati al suo ruolo di amministratore, e non di fatti che coinvolgono i minori. Inizialmente ai domiciliari, la Cassazione il 3 dicembre scorso ha annullato senza rinvio la misura cautelare per mancanza di elementi. A luglio scorso il sindaco si era autosospeso dal Partito democratico.

Tra i primi a commentare la richiesta di rinvio a giudizio, la difesa di Anghinolfi: “Potrà esercitare appieno il suo diritto di difesa. Questo avverrà finalmente davanti ad un Giudice in Tribunale e non in piazza o sul web, come purtroppo è accaduto sino ad ora”, si legge in una dichiarazione del suo collegio difensivo.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alluvione Genova, l’ex sindaca Marta Vincenzi e altri imputati patteggiano la pena. Potranno chiedere l’affidamento ai servizi sociali

next
Articolo Successivo

Tangenti metro Milano, il direttore generale di Atm: “Dipendenti sospesi, gli togliamo carne dalle ossa”. Ma nega un legame con le frenate

next