L’elettrico, come scelta strategica per la vita. E’ quanto fatto da Lotus, che come riporta AutoExpress avrebbe deciso di abbandonare per sempre la benzina, e puntare dritto sugli elettroni. Al punto che la nuova sportiva in uscita nel 2021 sarà l’ultima della sua storia, lunga 72 anni, ad essere spinta da un motore a combustibile fossile.

Una scelta voluta, nondimeno, anche dalla proprietà cinese. E’ dal 2017, infatti, che che il marchio inglese è stato acquistato dalla Geely, per volontà esplicità del vulcanico patron Li Shufu che aveva già acquisito Volvo e che poi è pure diventato il primo azionista di Daimler, con circa il 10% del capitale azionario. Uno shopping che, per ora, ha portato in dote i futuri modelli Smart, che verranno progettati e sviluppati in Germania ma costruiti in Cina.

Tornando a Lotus, si può dire che la strategia di puntare tutto sull’elettrificazione era ben chiara fin dal lancio della hypercar a batteria Evija (nella foto). Anche se non si tratta certo di un modello per tutti: è in tiratura limitata a 130 esemplari, ognuno dei quali costa qualcosa come 2,4 milioni di sterline (2.657.000 euro circa).

Le sportive a elettroni che verranno, pur rimanendo un prodotto premium e di nicchia, saranno certamente più abbordabili. Nel frattempo, Lotus sta vivendo il cambiamento più consistente della sua storia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Seat Mó, la casa spagnola apre alla mobilità alternativa. In arrivo scooter e monopattini

next
Articolo Successivo

Mobilità elettrica, tutti i dubbi e le risposte sulla ricarica dell’auto a batterie in una guida

next