“Però vi voglio dire anche un’altra cosa. Se non ricordo male a un certo punto proprio nel momento più aspro della polemica dovuta al conflitto di attribuzioni, il dottor Ingroia mi disse, a me e all’allora procuratore Messineo – ma fu una cosa buttata lì, io all’inizio pensavo che scherzasse – disse che a Roma aveva incontrato un direttore di un noto quotidiano che gli aveva detto che dal Quirinale gli avevano chiesto se c’era la possibilità di un qualche contatto con la procura di Palermo per risolvere questa situazione e che in quel caso il punto di collegamento poteva essere rappresentato dal dottor Palamara (Luca ndr.)”. Così il magistrato Nino Di Matteo in audizione in commissione Antimafia, risponde a una domanda sulle indagini sulla Trattativa Stato-Mafia. Di Matteo, poi, aggiunge che “in quel momento non capivo che cosa potesse entrarci (Palamara ndr.) con le vicende del procedimento trattativa stato mafia e con le dimostranze del quirinale”. E conclude: “Credo che il direttore cui aveva fatto riferimento Ingroia fosse l’allora direttore di Repubblica Ezio Mauro, Ingroia potrebbe essere più preciso”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Di Matteo: “Quando indagavamo sulla Trattativa il Quirinale voleva un contatto con la procura. Il possibile mediatore poteva essere Palamara”

next
Articolo Successivo

Ingroia: ‘Di Matteo ha ragione, Colle mi cercò’. Mauro: ‘Falso, fu lui a tentare un contatto col Quirinale. Palamara? Non sapevo chi fosse’

next