Derek Chauvin e George Floyd si conoscevano e avevano lavorato insieme come buttafuori in un locale della città. È quanto ha riferito in un tweet Andrea Jenkins, vicepresidente del consiglio comunale di Minneapolis, a pochi giorni dall’uccisione per soffocamento del 46enne afroamericano immobilizzato e premuto a terra con un ginocchio sulla nuca proprio dal poliziotto che era anche suo ex collega. Mentre l’uomo implorava di essere liberato dalla morsa dicendo “I can’t breathe”, non posso respirare, Chauvin ha continuato a esercitare pressione fino a quando l’uomo è morto. Per questo l’agente è stato arrestato ed è indagato per omicidio colposo.

I due, scrive in un tweet Jenkins, hanno lavorato insieme per molto tempo come addetti alla sicurezza di un night club di Minneapolis. E una conferma, secondo alcuni media locali, è arrivata anche dal proprietario del locale in questione.

Intanto Chauvin, dopo essere stato licenziato con gli altri tre agenti che hanno partecipato al fermo di Floyd, è anche indagato per omicidio colposo. A comunicarlo è stato John Mark Harrington, il capo del dipartimento della pubblica sicurezza del Minnesota, mentre non è ancora stato chiarito se anche gli altri colleghi coinvolti saranno arrestati.

Gli organi di stampa americani riportano che Chauvin, nei suoi 19 anni al dipartimento, aveva ricevuto almeno una decina di denunce per il suo comportamento, senza che fosse mai stato avviato nei suoi confronti alcun procedimento disciplinare, tranne in un solo caso una lettera di richiamo.

E su quest’ultimo punto, a finire nella polemica potrebbe essere anche la ex candidata democratica per la corsa alla Casa Bianca, Amy Klobuchar, ora tra le aspiranti vice di Joe Biden. Secondo quanto riportato dai media americani, quando era procuratrice nella contea di Hennepin, Klobuchar ha rifiutato di perseguire Derek Chauvin. Nel 2006, il poliziotto era uno dei sei agenti che hanno ucciso il 42enne Wayne Reyes dopo che l’uomo aveva brandito un fucile contro la polizia, secondo quanto riferito da un rapporto del gruppo Minneapolis Communities United Against Police Brutality. Secondo Star Tribune, inoltre, Klobuchar non ha accusato penalmente altri poliziotti coinvolti in oltre venti incidenti simili che hanno coinvolto agenti durante il periodo in cui è stata procuratrice, dal 1999 al 2007.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Minneapolis, scontri dopo la morte di George Floyd. Trump invia 500 uomini della Guardia Nazionale: “Pronti a sparare”. Cnn: “Arrestato un nostro giornalista di colore”

next
Articolo Successivo

Trump sfida la Cina su Hong Kong: stop a status speciale, sanzioni ai dirigenti e limiti a società e cittadini cinesi. “Violata autonomia ex colonia britannica”. Poi annuncia la fine della relazione con l’Oms

next