Oppo ha appena lanciato in Italia due nuovi modelli di auricolari true wireless, Oppo Enco Free e Oppo Enco W31. In entrambi i casi si tratta di auricolari in-ear a stelo, come i più famosi Apple AirPods. A differenziare le Enco Free dalle W31 dunque è solo la fascia di prezzo di appartenenza e quindi anche la qualità complessiva. Entrambi i prodotti sono già disponibili all’acquisto: scopriamo subito il nuovo tentativo del brand cinese di rafforzare ulteriormente la propria posizione nel mercato italiano.

Il produttore ha deciso di distribuire anche nel nostro Paese gli auricolari true wireless Enco Free. Si tratta di cuffie senza fili di alta qualità con una latenza di circa 120 ms, una sincronizzazione stabile e altoparlanti ultra-dinamici. Disponibili in colorazione nera, bianca e rosa, le Enco Free integrano la tecnologia AI Uplink per la cancellazione attiva del umore. Le cuffie inoltre sono di tipo binaurale, il chip Bluetooth cioè consente di trasmettere l’audio contemporaneamente al canale destro e sinistro per un perfetto effetto stereofonico. Essendo cuffie true wireless comunque è anche possibile trasmettere l’audio a uno solo dei due auricolari, facilitandone così l’utilizzo in modalità mono durante le chiamate. Il loro prezzo di lancio è pari a 169 euro.

Enco W31 è invece la proposta di Oppo pensata appositamente per tutti coloro i quali vorrebbero spendere meno. Il loro prezzo è infatti pari a 99 euro. La loro funzionalità più interessante è quella che consente agli utenti di scegliere alcune modalità ideate appositamente per specifici generi musicali. Le restanti caratteristiche tecniche sono invece simili al modello di base, e il produttore ha deciso di includere ancora una volta un sistema per la cancellazione del rumore ambientale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, ecco la mascherina che usa l’elettricità per impedire il contagio: lo studio

next
Articolo Successivo

Il digitale nella pubblica amministrazione dovrebbe essere la regola, non l’eccezione

next