A distanza e con la mascherina. Dopo più di due mesi a causa dell’emergenza coronavirus, da domani 18 maggio, si potrà tornare in chiesa e nelle altri sedi religiose. E, soprattutto, i fedeli potranno di nuovo partecipare, fisicamente e non solo online, alle messe. “Ma per favore, andiamo avanti con le norme, le prescrizioni che ci danno, per custodire la salute di ognuno”, ha sottolineato Papa Francesco al Regina Caeli. Per il centenario della nascita di San Giovanni Paolo II, Il Pontefice celebrerà, sempre domani, la messa nella basilica di San Pietro.

Alla vigilia della riapertura delle chiese, il Papa ha lanciato un forte appello al rispetto delle norme per evitare ogni possibile rischio di contagio da Covid-19. Anche la basilica di San è Pietro da domani sarà accessibile ai fedeli: il Papa celebrerà la messa alle 7, all’altare della tomba di San Giovanni Paolo II per il centenario della nascita. Sarà una celebrazione senza pellegrini ma con il gruppo di religiosi e religiose che ha accompagnato le funzioni di Papa Francesco in questo tempo di lockdown. Al termine della messa la basilica riaprirà i battenti a tutti i fedeli, che potranno entrare dopo aver controllato la temperatura con il termoscanner e solo pochi per volta. Dei volontari si assicureranno che tutte le norme vengano rispettate, come il distanziamento sociale e l’uso della mascherina obbligatorio.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Porto Marghera, i legali dell’azienda inviano una diffida ai sindacalisti: “Parlate senza sapere. Diffamazione per puro protagonismo”

next
Articolo Successivo

Molise, a Belmonte del Sannio il parroco chiede ai carabinieri di fare i chierichetti

next