“La magistratura è in difficoltà, è indebolita. Per questo sono maggiori le probabilità, qualora si voglia mettere mano a una riforma che la riguardi, che venga punita dalla politica“. Sono le parole del magistrato Gian Carlo Caselli, intervistato da Peter Gomez a Sono le Venti (in onda sul Nove dal lunedì al venerdì dalle 19.53), sul caso giudiziario che coinvolge Luca Palamara, leader di Unicost, e dopo le dimissioni del capo di gabinetto del Ministero di Giustizia, Fulvio Baldi, a seguito di un articolo pubblicato su IlFattoQuotidiano.it.

SONO LE VENTI, il nuovo programma di Peter Gomez, è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play) e su sito www.iloft.it e app di Loft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Silvia Romano, perquisizioni del Ros nella sede della onlus Africa Milele che la inviò in Kenya

next
Articolo Successivo

Studente morto in gita a Milano nel 2015, per il giudice i docenti non ebbero responsabilità: il ministero non dovrà risarcire la famiglia

next