Misurazione della temperatura prima dell’accesso, presidio sanitario per i cantieri con oltre 250 operai, accesso agli spazi comuni – comprese mense e spogliatoi – contingentato, con ventilazione continua dei locali, tempo di sosta ridotto e distanza di 1 metro tra le persone. I datori di lavoro, inoltre, dovranno assicurare la pulizia giornaliera e la sanificazione periodica degli spogliatoi e aree comuni e sono previsti servizi igienici dedicati per fornitori, trasportatori e altro personale esterno.

Sono le principali novità, oltre a quelle relative ai Durc e ai controlli affidati a Inail e anche alle polizie locali, contenute nel protocollo di regolamentazione per contenere la diffusione del Covid-19 nei cantieri stilato da ministero dei Trasporti, condiviso con il Ministero del lavoro, con Anci, Upi, Anas, Rfi, Ance, Alleanza delle Cooperative, Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil.

Il governo, come sottolineato dalla ministra Paola De Micheli, si è inoltre impegnato, per quanto riguarda il Documento Unico di Regolarità Contributiva (Durc), a fissare al 15 giugno il termine di validità di tutti quelli in scadenza tra il 31 gennaio e il 15 aprile, attraverso un’apposita modifica di legge che sarà inserita nel prossimo decreto di fine aprile.

Nel protocollo – si spiega in una nota del Mit – vengono fornite “indicazioni operative” per “incrementare in tutti i cantieri l’efficacia delle misure precauzionali di contenimento dell’epidemia, seguendo la logica della precauzione” e “le indicazioni dell’Autorità sanitaria non solo per i lavoratori ma anche per i titolari del cantiere e tutti i subappaltatori e subfornitori”. Sono inoltre previste verifiche dell’adozione da parte dei datori di lavoro delle prescrizioni stabilite dal protocollo con i rappresentanti sindacali e attraverso l’Ispettorato del Lavoro e l’Inail.

I piani della sicurezza, spiega il segretario generale della Fillea Cgil Alessandro Genovesi, “saranno aggiornati alla luce del protocollo con il coinvolgimento delle rappresentanze dei lavoratori” e “le stazioni appaltanti vigileranno, attraverso i coordinatori per la sicurezza, affinché tutte le imprese rispettino il protocollo”. Ogni “cambiamento organizzativo”, aggiunge, “sarà possibile solo nel rispetto dei contratti collettivi nazionali sottoscritti, favorendo così anche sperimentazioni volte a migliorare la vita in cantiere”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, la denuncia del sindacato: “Operatori ai varchi del cantiere del Morandi lavorano senza le adeguate protezioni”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, commercianti e artigiani contro Fase 2: “O riapriamo subito o falliamo tutti”. Bonaccini: “Lavoriamo per anticipare le date”

next