“Lotta al caporalato mediante la regolarizzazione e poi l’agevolazione dei rientri in Italia e proroghe dei permessi degli immigrati e facilitazione delle assunzioni di lavoratori al momento inoccupati”. Lo ha detto la ministra delle Politiche agricole, Teresa Bellanova, illustrando al Senato le tre direttrici sulle quali sta lavorando per rispondere alla mancanza di manodopera nelle campagne in questo momento a causa dell’emergenza sanitaria da coronavirus. “Ritengo fondamentale in questa fase regolarizzare gli extracomunitari che ricevano offerte di lavoro ma anche, al contempo, assicurare la cumulabilità delle prestazioni di sostegno al reddito con rapporti di lavoro”, ha detto la ministra, nel precisare che “questo impianto si connette a quanto sullo specifico del tema lavoro abbiamo voluto nel Cura Italia, arricchito dal confronto in quest’Aula”.

“Incredibile. Sono in Senato ad ascoltare il ministro dell’Agricoltura che ha appena chiesto la sanatoria per centinaia di migliaia di clandestini da far lavorare nei campi”. È stata la risposta, su Facebook, di Matteo Salvini. Che aggiunge: “Ma non avrebbe più senso aiutare tutti gli italiani che hanno perso e perderanno il lavoro per il virus, dando a loro precedenza e contratti, invece di pensare a ‘regolarizzare’ un esercito di clandestini?”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus – Milano-Venezia, fronte leghista per riaprire. Fontana: “Spalmiamo lavoro su 7 giorni”. Zaia: “Venerdì il piano”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Zaia: “Riaperture? Valutazione di Fontana legittima. Non escludo che alcune attività possano ripartire prima del 4 maggio”

next