L’attesa è ormai una consuetudine, ma le code chilometriche davanti ai supermercati mancavano dal primo week end di lockdown, quando la psicosi legata alla possibilità che i negozi di alimentari venissero chiusi portò tutti ad accaparrarsi quel che era disponibile sugli scaffali. Complice la chiusura nel giorno di Pasqua e del Lunedì dell’Angelo, la vigilia dei due giorni di festa è coincisa con il ritorno delle lunghe code fuori dai supermercati.

Le immagini si riferiscono al superstore di Esselunga a San Donato Milanese. Ma attese di oltre 2 ore di attesa si sono registrate in molti grandi magazzini e nei mercati coperti di molte regioni italiane.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, viola i divieti e prende il sole in spiaggia a Palermo: allontanato dall’elicottero dei carabinieri

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la Sardegna in piena emergenza Covid dà il via libera alla cementificazione della costa. Poi la giunta fa marcia indietro

next