Dopo diversi giorni positivi, le borse del Vecchio Continente tornano in rosso, seppur con ribassi molto contenuti e una chiusura contrastata. Parigi ha guadagnato lo 0,1%, mentre Londra (-0,47%) e Francoforte (-0,3%) hanno chiuso in calo. A stimolare la corrente di vendite è stato soprattutto l’esito dell’Eurogruppo: la riunione dei ministri delle Finanze europei chiamati a trovare un accordo sulle misure economiche da adottare per sostenere i Paesi più colpiti dalla pandemia di coronavirus si è conclusa con un nulla di fatto.

Piazza Affari ha chiuso solo in leggero ribasso, grazie a un recupero negli ultimi minuti di contrattazione: l’indice Ftse Mib segna un calo dello 0,18% a 17.380 punti spinto dai titoli del risparmio gestito, con rialzi dell’8% per Banca Generali, del 7,76% per Azimut e del 5% per Mediolanum. Sotto pressione Bper (-6,35%) e Banco Bpm (-2,72%), migliora invece Intesa (-1,63%). Si guarda soprattutto allo spread: il leggero contenimento della tensione sui titoli di Stato italiani, grazie all’azione della Bce, ha favorito il tentativo di tenuta del listino milanese. Il differenziale tra Btp e Bund tedeschi a dieci anni si è allargato in apertura fino a 21o punti base, ma poi è tornato a calare e ha chiuso a 196 punti, poco sopra ai 191 di ieri. Il rendimento del decennale italiano è all’1,64%, di poco in aumento rispetto all’1,61% di martedì sera.

L’asta sui Bot a un anno – Il Tesoro ha venduto in asta tutti i 6,5 miliardi di euro di Bot a un anno con un tasso in rialzo allo 0,534% dallo 0,072% del collocamento precedente. La domanda è stata pari a 1,57 volte l’importo offerto, in discesa da 1,65 volte precedente. Assegnati anche tutti i tre miliardi di euro di Bot trimestrali, luglio 2020, con un rendimento dello 0,188% e una domanda di 1,88 volte l’importo offerto.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, in Portogallo il presidente de Sousa alle banche: “E’ ora di ricambiare gli aiuti pubblici ricevuti negli ultimi 13 anni”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, banche: “Anche con garanzie pubbliche i prestiti non saranno immediati”. Governo: “30-50 giorni per quelli medio-grandi”

next