Dopo la notizia di un contagio da coronavirus nel Beneventano, in Campania – un militare di 22 anni di Guardia Sanframondi – il sindaco di un paese vicino, Cusano Mutri, ha pubblicato sulla sua bacheca Facebook un foglio della Asl con nome e cognome del paziente, insieme a tutto l’elenco di spostamenti, luoghi visitati, temperatura corporea. Dati sensibili sul suo stato di salute, insomma, informazioni scambiate durante la telefonata tra il ragazzo e l’azienda sanitaria locale una volta effettuato il test risultato positivo.

Il militare è in quarantena volontaria da giovedì scorso, dopo essere tornato a casa dal milanese insieme alla ragazza casertana risultata positiva. Subito sono scattate tutte le procedure previste dai protocolli ministeriali: i familiari sono stati messi in isolamento, e la Asl è in continuo contatto con il 22enne. Il primo cittadino, Giuseppe Maria Maturo, ha pubblicato proprio il resoconto di una di queste telefonate, con gli aggiornamenti sulla febbre e i posti frequentati negli ultimi giorni. “Questi sono i luoghi dove è stato il ragazzo di guardia – ha scritto il sindaco vicino alla foto – Chi ha frequentato gli stessi luoghi contemporaneamente, o poche ore dopo, si metta immediatamente in quarantena e lo comunichi alle autorità”.

Tra i commenti, c’è chi lo rimprovera per aver esposto così una persona inconsapevole: “Sindaco, lei doveva oscurare il nome e cognome, certamente il ragazzo non sapeva di aver contratto il virus”. Ma c’è anche chi chiede: “Con quali mezzi si è spostato? Vogliamo saperlo”. Il sindaco Maturo dice di aver ricevuto molte denunce: “Non ho intenzione di rimuoverlo – risponde pubblicamente – Per me la salute pubblica è più importante della privacy”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, la diretta – Oltre 1.000 contagi totali. Rinviate a maggio cinque partite di A. “Scuole chiuse fino all’8 marzo in Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, l’Amuchina Gel fai da te: la ricetta dell’Oms preparata dal chimico Bressanini a ‘Propaganda Live’

next