Un “patto di convivenza” è sufficiente per iscrivere il partner extracomunitario all’anagrafe anche se non ha il permesso di soggiorno. Lo ha stabilito il tribunale di Modena che ha imposto al Comune di Formigine di inserire nei registri dei residenti la convivente indonesiana (pronuncia analoga a una del tribunale di Bologna). I giudici, spiegano dallo studio Damiani&Damiani di Torino che da anni segue casi di questo tipo, hanno riconosciuto il pericolo dell’espulsione della donna dal territorio italiano, “con pregiudizio del suo diritto all’unità familiare, costituzionalmente garantito”.

“Tutte le coppie miste – sottolinea l’avvocata Anna Sagone che ha seguito il caso insieme alla legale Irene Damiani – a prescindere dal permesso di soggiorno o meno, potranno ottenere un permesso per ricongiungimento familiare a fronte della sola convivenza di fatto. Le coppie di fatto per la legge costituiscono a tutti gli effetti una famiglia: unione caratterizzata da un vincolo affettivo non formalizzato né col matrimonio, né con l’ unione civile, né con altra forma di registrazione ufficiale. E questo viene confermato anche dalla Cassazione”. Peraltro anche le direttive dell’Ue prevedono di “agevolare l’ingresso e il soggiorno del partner con cui il cittadino abbia una relazione stabile debitamente attestata”.

In sostanza il necessario requisito anagrafico della coabitazione viene sostituito dal “patto di convivenza” con cui superare l’impasse burocratico a causa del quale per i Comuni non è possibile accettare la richiesta di riconoscimento di “coppia di fatto” perché da un lato il cittadino extracomunitario non poteva avere una residenza e dall’altra parte la questura non poteva rilasciare il permesso di soggiorno perché il Comune non rilasciava il certificato di “coppia di fatto”. Una situazione che blocca tutto, rendendo impossibile al compagno straniero di restare in Italia in modo regolare: le uniche possibilità finora erano naturalmente il matrimonio o un visto di studio o di lavoro, molto difficili da ottenere e comunque temporanei.

“Oggi, più di prima, quindi – concludono gli avvocati – proseguiremo la nostra battaglia nella tutela del diritto alla famiglia, forti della fondatezza delle nostre ragioni, accolte già da due Tribunali. Sperando che le Pubbliche Amministrazioni recepiscano nel minor tempo possibile queste decisioni. Questo è un grande passo per l’Italia, un momento importante che ci avvicina al concetto di autentica integrazione anche in nome dell’amore”.

Con questa decisione si è aperta la concreta possibilità di regolarizzare tutte quelle situazioni di convivenza di fatto tra cittadino italiano e convivente extracomunitario, senza per questo avere timore di agevolare l’immigrazione clandestina. Infatti, la convivenza dev’essere provata e attestata con un contratto stipulato ai sensi della Legge e davanti un avvocato che se ne assume la responsabilità a garanzia della tutela dello Stato di Diritto, delle truffe e della sicurezza dei cittadini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Coronavirus, Cappato: “Sia libero accesso a studi dei ricercatori”. Associazione Coscioni: “Italia 23esima per libertà scientifica”

next
Articolo Successivo

I paesi arabi nel 2019 hanno stroncato le proteste di massa. Ma ci sono stati anche storici passi avanti

next